Estate INPSieme2016, meno contributi per chi accompagna un disabile

Estate INPSieme2016, meno contributi per chi accompagna un disabile

Meno contributi per chi accompagna un disabile. Il nuovo bando Vacanzeinpsieme2016 cambia le modalità di erogazione dei contributi a favore degli accompagnatori dei disabili.

Ci sono arrivate diverse segnalazioni in cui si evidenzia come, a fronte dei precedenti bandi nei quali era previsto un contributo pari a 1,5 al contributo concesso in favore del relativo beneficiario assistito, l’attuale bando prevede che “il costo di ciascun accompagnatore è pari al contributo concesso in favore del relativo beneficiario assistito”.

Sulla questione abbiamo sentito il presidente dell’Associazione nazionale FIABA onlus, Commendatore Giuseppe Trieste.

giuseppe trieste“In una situazione difficile – afferma Trieste – come quella che sta attraversando il nostro Paese, il fatto che un Ente riesca a garantire un operatore al servizio di ragazzi diversamente abili, permettendo loro di poter vivere un’esperienza come quella della vacanza studio, alla pari degli altri ragazzi, mi sembra più che accettabile”.

“Gli accompagnatori – aggiunge Trieste – sono delle figure fondamentali ma è anche vero che chi decide di intraprendere questo lavoro deve avere un alto senso di socialità. Lo stretto contatto con il disabile da accudire deve essere visto più come una missione che come un lavoro pagato ad ore. Occuparsi di un disabile è un impegno costante che arricchisce entrambi i soggetti coinvolti. Ecco perché, come nel caso del bando  VacanzeInpsieme2016, il fatto che ci sia stato un ridimensionamento del contributo non dovrebbe essere visto come qualcosa di negativo ma si dovrebbe apprezzare questa possibilità che viene data a ragazzi che diversamente non avrebbero modo di poter vivere queste esperienze”.

“Sono inoltre convinto – conclude Trieste – che oggi più che mai sia necessaria sempre una maggiore formazione per le persone che scelgono di specializzarsi in questo settore. E credo anche che sarebbe opportuno introdurre un test di abilitazione che sia in grado di valutare l’effettiva predisposizione a questa tipologia di lavoro”.

COMMENTI

WORDPRESS: 0
DISQUS:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi