Attestato di frequenza, l’INPS conferma la traduzione asseverata

Attestato di frequenza, l’INPS conferma la traduzione asseverata

Dopo gli spauracchi, le incomprensioni e le lungaggini della prima fase che hanno caratterizzato l’iter burocratico del bando EstateINPSieme i vincitori del bando sono di nuovo alle prese con l’invio definitivo della documentazione.

A sollevare il nuovo dilemma gli utenti che, collegandosi alla piattaforma INPS, si sono imbattuti nella seguente dicitura: “Dichiaro di allegare la copia del certificato di frequenza, con traduzione asseverata in lingua italiana, rilasciato dalla scuola straniera, pena l’esclusione al beneficio”.

Ma come si ottiene la traduzione asseverata?

L’asseverazione (giuramento della traduzione di un documento) viene richiesta in tutti i casi in cui è necessaria una attestazione ufficiale da parte del traduttore circa la corrispondenza del testo tradotto a quanto presente nel testo originale. Il traduttore si assume la responsabilità di quanto tradotto firmando un verbale di giuramento.

Un aiuto per la ricerca dei traduttori nelle varie lingue può venire dall’Albo dei Consulenti Tecnici, non è comunque necessario che il traduttore sia iscritto all’Albo, l’importante è che si tratti di personale qualificato. 

“Ma stanno dando i numeri????”, “Asseverazione giurata? E che siamo …”al dica tutta la verità, nient’altro che la verità” ora ????” ed ancora “Ma stiamo scherzando?…sono solo alcuni dei commenti che popolano i vari gruppi su facebook .

A questi si aggiungano le ipotesi più svariate sulla veridicità o meno di questa richiesta dell’Ente di previdenza al fine di erogare il contributo.

C’è chi sostiene che il bando non riporta tale dicitura nell’articolo di riferimento ma solo nell’art. 8 che si riferisce alla prima fase. C’è chi evidenzia come sul portale Inps, il campo relativo all’invio del certificato tradotto non sia contrassegnato dall’ asterisco che evidenzia i campi obbligatori e pertanto si può inviare il certificato originale senza rischiare di perdere il beneficio. E c’è chi ha contattato la propria agenzia che pare abbia confermato che l’attestato debba essere tradotto.

La conferma che il certificato debba essere trasmesso con traduzione asseverata in lingua italiana arriva direttamente dall’Ente di Previdenza che invita gli utenti ad attenersi alle disposizioni del bando.  

COMMENTI

WORDPRESS: 0
DISQUS:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi