Anffas Ragusa, laboratorio di riciclo della carta

Anffas Ragusa, laboratorio di riciclo della carta

Dai frammenti di carta si realizzano degli oggetti d’arredamento per autofinanziare i progetti dell’Anffas.

Un processo di riciclo e di riutilizzo a costo zero della carta straccia. I documenti o i giornali vengono strappati a brandelli, messi a macerare per 24 ore, e attraverso un processo naturale e con l’utilizzo di due attrezzi “cascio” e “staccio” si ricompongono i fogli di cartoncino.

Il laboratorio del riciclo dell’Anffas di Ragusa ha un duplice obiettivo: aiutare i ragazzi nei processi di apprendimento e vendere gli oggetti che vengono comunemente realizzati.

“Il metodo è molto semplice – spiega Peppe Petriglieri, tutor del laboratorio –si può creare un foglio di cartoncino da riutilizzare da un sacco di carta da buttare nella pattumiera. Siamo riusciti a creare cento oggettini in cartone da cinquanta fogli di carta. Il laboratorio è coordinato anche dalla collega Chiara Scrofani ma i veri protagonisti sono i ragazzi che hanno dimostrato, in queste settimane, di essere il motore trainante del progetto”.

Il laboratorio del riciclo fa parte delle tante attività in itinere dell’anffas ragusana. “Stiamo realizzando i biglietti comunemente usati nelle bomboniere – spiega Petriglieri – piccoli cartoncini ritagliati a mano da inserire all’esterno della bomboniera”.

Nella foto il laboratorio del riciclo dell’Anfass di Ragusa

COMMENTI

WORDPRESS: 0
DISQUS:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi